Sosta in città, inizia la rivoluzione

Parcheggi in città, la rivoluzione è iniziata. Il nuovo piano della sosta di Stefano Zenoni è un piano coraggioso e necessario che si pone l’obiettivo di contrastare l’inquinamento, diminuire il traffico nelle aree centrali e migliorare la mobilità alternativa. E’ un primo tassello per avere – finalmente – una città libera dalle auto e, contemporaneamente, accessibile.

Il suolo è pubblico ed occuparlo con le auto avrà un prezzo: aumenta da 1,80 a 2 euro il costo orario nelle strisce blu e per i residenti acquisire il diritto a parcheggiare sotto casa costerà 120 euro in Città Alta e in Centro,(tanto, sì, ma meno che in altre città come Como dove si pagano 368 euro/anno), introiti destinati ad essere investiti su mobilità sostenibile e trasporto pubblico. La regolamentazione della sosta è un primo capitolo per migliorare la vivibilità cittadina e orientare comportamenti e abitudini verso un minor uso del mezzo privato. Alcuni oggi avanzano qualche perplessità, ma il tempo darà ragione al ‘coraggio di Zeno’ e di questa amministrazione.

Ora bisogna continuare su questa strada, perché le riforme lasciate a metà sono le più dannose. Al lavoro dunque, a partire dal potenziamento del servizio pubblico e dalla realizzazione del metrobus.