Black Hole, fino al 6 gennaio alla GAMeC un viaggio dentro la materia

Black Hole, inaugurata lo scorso 4 ottobre, è la mostra curata da Lorenzo Giusti, nuovo direttore della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea. E’ il debutto di un ciclo triennale intorno ad un unico  tema, la materia, argomento amplissimo dalle declinazioni più varie e articolate, affrontato con la preziosa collaborazione di storici dell’arte, filosofi e scienziati, a conferma di quanto l’arte contemporanea sia interdisciplinare e sia capace, attraverso i suoi molteplici sguardi e approfondimenti, di farsi interprete della contemporaneità.

Una mostra che rivela anche l’approccio scientifico dell’arte soprattutto da parte di alcuni grandi artisti come Fontana e Fautrier, dimostrando come i risultati della scienza siano entrati prepotentemente nella vita di tutti i giorni e abbiano influenzato non solo la filosofia e le teorie interpretative del mondo ma anche l’arte.

Una mostra che ha saputo coinvolgere e affascinare anche  nuovo pubblico, avvicinandolo alla vita del museo per una riflessione sull’uomo e sul futuro dell’umanità che solo l’arte e la scienza sanno anticipare. Alla GAMec, fin o al 6 gennaio.